Alcuni cenni…


La famiglia De Valle ha eletto la Sardegna come sua dimora dal 1960, quando l’Isola univa al suo indiscutibile fascino anche il richiamo dell’avventura per chi allo spirito imprenditoriale doveva aggiungere quello pionieristico.  Nel 1976 le energie si concentrano sulla zona costiera di Oristano, dove una piccola raffineria in difficoltà viene riattivata, affermandosi negli anni come punto di riferimento per la produzione di bitume fino al 1993.

Il mancato rinnovo dell’autorizzazione alla raffinazione, coerente con la vocazione turistica dell’area, potenzia la struttura commerciale, che si dota di un ufficio a Cagliari e  avvia le operazioni di smantellamento degli impianti trasformando l’area in deposito. Nel 2001 avviene il definitivo trasferimento degli stoccaggi nell’area del porto industriale, con l’acquisto e la trasformazione in deposito costiero fiscale degli impianti dell’Ex-Enichem, l’ampliamento del parco serbatoi nel 2012 e la realizzazione del nuovo pontile nel 2014.

I nostri plus


Posizione geografica

Al centro del Mediterraneo e della Sardegna

Assistenza dedicata

Quasi 50 persone impegnate nella ricerca delle migliori soluzioni possibili

Capacità di espansione

Uno sguardo attento alle richieste del territorio e del mercato

Il Presidente


oresteOreste De Valle, nasce a Torino nel 1935 studia come analista chimico e costruisce la sua attività iniziando da molto giovane. Imprenditore “self made” svolge diverse attività principalmente legate alla produzione, distribuzione ed erogazione di servizi nell’ambito dei prodotti petroliferi e bitumi. Innamoratosi della Sardegna, si trasferisce nell’isola fin dagli inizi degli anni ’60 e vi risiede, alternando negli ultimi decenni dei periodi in Nicaragua dove si occupa di evangelizzazione. Nella sua attività imprenditoriale ha collaborato con diversi gruppi industriali, operando principalmente in Sardegna e a Oristano in particolare. A inizio anni 2000 rileva dal Gruppo Cameli l’attività Sipsa, rilanciandola e incorporandola poi nella IVI, poi trasformata in IVI Petrolifera spa. Sviluppa l’attività reinvestendo costantemente sulla società in Sardegna e credendo da diversi anni in un progetto di valorizzazione turistica. Sposato, con sette figlie vanta quarantasei nipoti e tanti pronipoti, quasi tutti residenti in Sardegna.